MIME-Version: 1.0 Content-Location: file:///C:/1048B201/apprendimentoanima.htm Content-Transfer-Encoding: quoted-printable Content-Type: text/html; charset="us-ascii" L'APPRENDIMENTO PER L'ANIMA

L'APPRENDIMENTO PER L'ANIMA

Esigenze formative per un corretto sviluppo della spiritualità personale

di Dora Bruschi

 

 

“Formazione”.= E' questa la parola chiave del tempo in cui viviamo. Tutti sembrano essere d'accordo: lo studio continuo, il perfezionamento del= le proprie competenze e capacità sono necessari e indispensabili per ottenere o migliorare la posizione lavorativa, sociale ed economica. Esisto= no da qualche anno fondi europei, regionali, provinciali e comunali per finanziare, almeno in parte, questa esigenza di = stare al passo coi tempi; allo stesso modo le aziende investono in corsi d'aggiornamento per i dipendenti, esistono corsi appositi e obbligatori per apprendisti e altre categorie professionali, corsi sulla sicurezza, sulla qualità, sulla socializzazione per chi deve lavorare in team. L'università ha recepito velocemente ques= ta esigenza e sono nati nuovi corsi di studi sull'argomento, come “Scien= ze della Formazione”, “Scienza dell'Educazione” e “Psicologia dei processi formativi”.

Allo stesso modo, pu&ogra= ve; e deve esistere una formazione continua più sottile, individuale e strettamente personale: l'apprendimento spirituale. Riporto, a sostegno di questa tesi, un breve pensiero del Maestro Omraam Mikhaël Aïvanho= v:

 

"= Quando si tratta di prepararsi ad un mestiere manuale, artistico
o intellettuale, le persone ammettono di aver bisogno di
istruirsi. Le stesse persone, però, respingono l'idea di avere
qualcosa da imparare per quanto riguarda la condotta della loro
vita interiore. Questo è un atteggiamento che le espone a molti risc= hi.

 

Pertanto, a prescindere= dalla religione o filosofia che abbiate scelto, è fondamentale nutrire il = vostro percorso intimo con lo studio e l'apprendimento. Se le = nostre competenze lavorative meritano di aggiornarsi e perfezionarsi, a maggior ragione lo merita la nostra anima.

 

La figura del Maestro nell'apprendimento

 

Chi si trova su un camm= ino spirituale tale per cui è in contatto con= un Maestro vivente, in grado di indirizzare e, appunto, di formare, è almeno apparentemente avvantaggiato. La figura del Maestro, pur essendo fon= te di ispirazione e modello spirituale, non può co= munque sostituirsi allo studio e applicazione degli insegnamenti individuali. Il compito del Maestro, infatti, è quello di fornire delle chiavi, dei suggerimenti, degli spunti, ma il percorso resta ad ogni modo personale.

Per tutti gli altri, pe= r chi si lascia ispirare e motivare dai grandi maestri del passato, sicuramente la lettura può essere fonte di grandi soddisfazioni spirituali, a patto= di farla propria e assimilarla vivendola nella quotidianità.

 

Darsi tempi e metodi fo= rmativi

 

Può sembrare una forzatura darsi scadenze ed imporsi dei metodi di studio in ambito spiritua= le. In realtà non lo è. Fissare una sera alla= settimana e schematizzare i punti e gli argomenti da affrontare di volta in volta sono accorgimenti che aiutano a prendere l'impegno seriamente, al pari del corso d'inglese o della partita di calcetto. Rispettare l'impegno con l'intima spiritualità è un regalo prezioso che si fa alla pro= pria anima; essere costanti, puntuali e seri sarà un aiuto importante per fare progressi e sviluppare nuovi interessi in ambito spirituale.

 

Purtroppo, la parte pi&= ugrave; commerciale e modaiola della New Age (termine alquanto inflazionato, prefer= isco chiamarla Era di Acquario) tende a semplificare all'inverosimile l'impegno in quanto recepito come “privo di vincoli”, suscettibile, discontinuo. Spesso chi si avvicina a questa nuova spiritualità incuriosito dalla m= assa o da qualche titolo mistico in libreria, non ha reale intenzione di intrapren= dere un cammino vero e proprio, si accontenta di pizzicare da una fonte all'altra senza approfondire nulla, senza ottenere un reale cambiamento nella sua vit= a, accontentandosi di possedere, nella migliore delle ipotesi, qualche dato nozionistico isolato. Questo è un peccato, perché anche chi si avvicina per curiosità a queste tematiche dovrebbe concedersi di sperimentare uno studio mirato, fatto con metodo e impegno. Tutti dovrebbero fare almeno un tentativo, potrebbe non interessar= e, ma potrebbe anche aprirsi un nuovo mondo di scop= erte.

 

Teoria o pratica?

 

La risposta è se= mplice: entrambe. Bisogna tenere conto delle proprie esigenze individuali e prepara= re un programma ad hoc, il più possibile equilibrato. Sicuramente la lettura, come si è detto qualche riga so= pra, è molto importante, forse indispensabile, ma non deve diventare l'un= ica fonte di studio. L'anima non si nutre solo di nozioni, dati, periodi comple= ssi, però può trarre grandi benefici dalle parole ispirate dei Maestri, da un testo Sacro, addirittura da racconti edificanti. Inoltre, il rischio che si corre quando si tende a preferire= la lettura ad altre forme di apprendimento è quello di sovraccaricare il proprio centro mentale/intellettuale, magari proprio al termine di una lunga giornata di lavoro in cui si è ricorso in modo predominante a quel centro. Per bilanciare l'energia, in questo caso, niente di meglio di una sessione più pratica, istintiva, emozionale: contemplazione di figur= e e mandala, vocalizzazione di mantram, yoga o blandi esercizi energetici (come il Qi Gong) per riappropriarsi della propria fisicità. Al contrario, chi ha trascorso una giornata più att= iva che intellettuale potrà comportarsi di conseguenza.

Anc= he la meditazione può aiutare e può certamente far parte del programma. Di solito, chi si trova su un cammino spirituale o religioso, è portato a vivere quotidianamente l'auto-osservazione, così = come altre pratiche di trasformazione delle impressioni e disintegrazione degli stati psichici negativi: la serata di studio può servire anche a ten= ere un diario con i propri progressi, sensazioni, difficoltà nel mettere= in pratica gli insegnamenti, e un diario con le esperienze oniriche.

 

Un aiuto per lo spirito: circondarsi di belle impressioni

 

Andrebbe fatto tutto il possibile per rendere l'impegno gradevole e fonte di serenità e ispirazione, e ciò è possibile nutrendosi di belle impressioni, di cose e gesti armoniosi, capaci di soddisfare i cinque sensi. Anche curare la propr= ia persona è segno di profondo rispetto per lo studio che si è intrapreso: un bagno caldo e profumato prima di iniziare e indossare vestiti puliti e comodi di tessuti naturali mettono lo spirito in una condizione più rilassata e ricettiva.

Bisognerebbe avere l'ac= cortezza di utilizzare una stanza pulita e ordinata, si può bruciare un incen= so non troppo pungente per facilitare la meditazion= e, sorseggiare una tisana, insomma trovare tutti quegli accorgimenti che renda= no l'appuntamento settimanale un autentico piacere.

Di grande aiuto è= ; la musica. Molti generi musicali si addicono alla meditazi= one, alla lettura ed alla riflessione, ciascuno può trovare brani adatti secondo il proprio gusto. Personalmente prediligo musica celtica o classica, ma ci si può fare ispirare anche da certe opere liriche, c= anti degli Indiani d'America, suoni della natura, campane tibetane e così via.

Un altro vantaggio che = si otterrà facilmente prendendosi a cuore la formazione spirituale è quello di conoscere più a fondo noi stessi. Il che, nella società in cui viviamo, non è certo poco.

            = ;            &n= bsp;            = ;            &n= bsp;            = ;            &n= bsp;            = ;            &n= bsp;            = ;            &n= bsp;            = ;            &n= bsp;   d.b.

 

&nbs= p;

Bibliografia e libri consigliati:

 

Weiss Brian, “Messaggi dai Maestri”, Osc= ar Mondadori Nuovi Misteri

Coronelli Cristina, “La Teosofia. Intuizione d= ella verità divina”, Xenia

De Mello Anthony, “La preghiera della rana. Sa= ggezza popolare dell'Oriente”, Paoline Editoriali Libri<= /span>

 

 

 

Webgrafia:

 

www.prosveta.com           &nbs= p;   

numerosi pensieri e = opere del Maestro Omraam Mikhaël Aïvanhov

www.anael.org/italia= no/risvegliare/meditazione.htm      &= nbsp;    

una pagina con validi consigli per meditare=

www.liberamenteservo.it            =       

portale informativo e spi= rituale della Nuova Era

http://www.firethegrid.com/ita/home-fr-ita.htm<= /a>      

nella sezione download be= llissime musiche per la meditazione da scaricare gratuitamente

 

 

 

 

HOME